#DAIBURDEL: LE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE DEL CESENA CALCIO NELL’INTERVISTA DEDICATA A ELENA PASCUCCI

Giovane, competente e appassionata. L’intervista della Project SPORT Management ad Elena Pascucci, area comunicazione web del Cesena Calcio. 

Partiamo subito dal concreto: #DaiBurdel. Come nasce l’idea di questo hashtag? L’hashtag #DaiBurdel nasce dal territorio romagnolo e da chi lo abita. Ci piace pensare che il Cesena Calcio sia la Squadra della Romagna, per questo abbiamo scelto un’ esortazione che rappresenti la nostra “romagnolità”. Dai Burdel letteralmente significa “Dai Ragazzi” , un po’ come dire “Mettetecela tutta!”, “Tirate fuori il vostro meglio”, con l’aggiunta che ha il dialetto romagnolo, quella unione naturale di cuore e di intenti verso un unico obiettivo. Come quando ci sia trova in famiglia, una famiglia allargata

Senso di appartenenza, territorio, identità. Il legame del Cesena Calcio con tutto questo è evidente e fondamentale. Come viene espresso questo particolare coinvolgimento e attaccamento alla maglia e al territorio a livello di comunicazione? Il senso di appartenenza e il legame costante con il territorio Romagnolo sono fattori che guidano tutti coloro che lavorano in questa società ed in particolare a livello di comunicazione, si può dire il nostro asso nella manica. In fondo il Cesena Calcio è quest’anno la squadra di  serie B con il maggior numero di abbonati, abbiamo battuto persino l’entusiasmo di Foggia e Bari. Per quanto riguarda le presenze allo stadio occupiamo sempre le prime posizioni e se guardassimo il numero relativo batteremmo anche società ben più blasonate che militano in Serie A. Allora perché non puntare sul pubblico e sui tifosi? Sarebbe una strategia di marketing pessima se non lo facessimo. Per cui i tifosi sono sempre il nostro fulcro e ogni anno cerchiamo di ideare novità che li possano divertire e coinvolgere sempre più. Numerosi sono stati negli anni i concorsi legati alla sottoscrizione degli abbonamenti in cui i tifosi fossero direttamente chiamati ad esprimere l’attaccamento alla squadra in maniera creativa.

amavivitifa

 

Quest’anno stiamo raccogliendo le testimonianze dei nostri sostenitori sotto i tre imperativi che caratterizzano la campagna abbonamenti 2017-18:  Ama, Vivi e Tifa. Alla fine del concorso ci sarà una sorpresa per i vincitori. Un’ altra iniziativa che ci sta molto a cuore è l’avvicinare i giovani tifosi (i veri “Burdel”) allo stadio, grazie ad Orogel nostro “Naming Partner” da tre anni abbiamo la possibilità di mettere in palio cinque video proiettori per le cinque scuole del territorio che in numero relativo ottengono il maggior numero di abbonati tra i propri alunni ed insegnanti. Quest’ultimo concorso fa parte del progetto più grande dell’AC Cesena che da tre anni ha scelto di regalare ai ragazzi delle medie e delle prime superiori del territorio romagnolo l’abbonamento in un settore a loro dedicato per avvicinare i ragazzi al calcio e al vivere la partita con passione e divertimento e la violenza verbale e fisica che spesso viene associata a questo sport

Facebook, Twitter e Instagram: quali sono i riscontri di “pubblico” ottenuti? Quali le strategie per coinvolgere i tifosi? Il Cesena Calcio ovviamente è presente in ogni piattaforma social e cerchiamo di curare ognuna di queste con la giusta attenzione. Ogni social, infatti, ha un suo linguaggio che lo caratterizza e richiede un contenuto specifico. Il nostro seguito è abbastanza grande, se parliamo di numeri abbiamo 57.919 seguaci su Facebook, 19 mila circa su Instagram e 31843 follower su Twitter. Per coinvolgere i tifosi cerchiamo sempre di creare contenuti piacevoli alla vista ed interessanti seguendo anche le innovazioni dei vari social; come l’uso delle dirette Instagram, delle Instagram stories e i sondaggi.

Entriamo nell’area marketing: molto interessanti le iniziative Match Experience e Youplay. Puoi illustrarcele? Black and White Experience e You Play sono iniziative di marketing davvero interessanti che Infront, azienda leader nel settore, offre agli abbonati del Cesena e ai partner commerciali. La Black and White Experience permette a chi ne fa richiesta di vivere la giornata della gara in maniera originale ed esclusiva. Dal pre al post partita coloro che lo richiedono potranno visitare lo Stadio, gli spogliatoi, la Sala stampa, il Campo di gioco ed incontrare per autografi e foto i veri protagonisti della giornata, i calciatori. You Play invece permette ad un gruppo di abbonati o ad un partner commerciale di organizzare una vera e propria partita di calcio sul prato dell’Orogel Stadium “Dino Manuzzi” e di sentirsi per un giorno protagonisti assoluti. lega start bPermettici una domanda per conoscerti meglio: quale è stato sin qui la tua esperienza e in cosa ti stai specializzando? La mia esperienza lavorativa è iniziata tre anni fa e mentre all’inizio ho dovuto, come in ogni campo, fare della gavetta ora mi sono ritagliata le mie mansioni. Una delle cose più interessanti che ho seguito dal primo momento è stata l’organizzazione, progettazione e messa in pratica delle campagne abbonamenti, ovviamente in concerto con i miei colleghi. Avendo da poco conseguito la laurea Magistrale ora sto scegliendo bene in cosa specializzarmi ulteriormente, anche se ultimamente sono appassionata dalla potenza che i social hanno nel campo della comunicazione, quindi non escludo di specializzarmi o di continuare gli studi per migliorarmi nella gestione della comunicazione social.

tifosi

Chiudiamo con una domanda generica: secondo te in quale direzione sta andando la comunicazione sportiva e in particolare come si può coinvolgere sempre più i tifosi? E’ molto difficile come argomento. I tempi stanno cambiando rapidamente ed è sempre più utile per le società sportive essere presenti nella vita dei propri sostenitori. Indubbio è l’apporto che i social e le innovazioni che li riguardano possono apportare. Bisogna ricordarsi sempre che sono i sostenitori che regolano la sopravvivenza o meno di una squadra. Sono loro infatti a “definire” gli introiti maggiori delle squadre, soprattutto per quello che riguarda il maggior ricavo delle società calcistiche, i diritti televisivi. Benché il mercato del calcio sia atipico, non essendo regolato da concorrenza perfetta ma da una variabile ben più importante, la fedeltà, è necessario aumentare il valore della fedeltà per generare maggiori ricavi. Una quota dei tifosi di una squadra è consolidata, questi non cambieranno mai opinione nonostante i risultati, ma c’è una quota, la più importante, non animata dall’amore per la maglia ma genericamente per lo spettacolo che il calcio regala che deve essere costantemente coinvolta perché mantenga la propria preferenza. Maestra in gestione e coinvolgimento del tifoso è ovviamente la Juventus, basti pensare l’organizzazione del suo apparato comunicativo e di marketing. Per rispondere alla tua domanda ti dico che si, si può aumentare l’interesse dei sostenitori. Il come è definito dagli strumenti che abbiamo in mano, primi tra tutti i social. Statisticamente si è visto come contenuti live, Instagram Stories e sondaggi, concorsi e giochi siano il metodo più semplice ed di più alto tasso di coinvolgimento. Anche le leghe di Serie A e B , vedi Lega Start, stanno approfittando di social e siti interattivi per coinvolgere sempre più persone nel mondo del calcio.